Intervista ad Alessandra Lentini

Durante i Campionati Italiani Cadetti di Sulmona 2015, ai primi due posti troviamo due ragazze dell’A.S.D. Don Milani di Mottola: Ida Mastrangelo ed Alessandra Lentini allenate entrambe dal tecnico pugliese Tommaso Gentile. Nell’intervista odierna Alessandra Lentini ci racconta come trascorre le sue giornate, divise tra allenamenti di marcia e scuola. La medaglia d’argento appena conquistata è arrivata nonostante la fatica di una giornata piovosa; Alessandra (amante di questo clima) l’ha saputa sfruttare credendoci fino all’ultimo metro. Attraverso le sue risposte la possiamo conoscere meglio; ha sicuramente tanta grinta e voglia di lottare per portare avanti la sua tanto amata disciplina sportiva!

Scheda

Nome: Alessandra
Cognome: Lentini
Luogo e data di nascita: Mottola (TA) 04 Dicembre 2000
Società: A.S.D. Atletica Don Milani (Mottola)
Allenatore: Tommaso Gentile
Scuola frequentata: Liceo Scientifico Albert Einstein Mottola
Primati personali:

  • 2000m pista 9’28″2
  • 3000m pista 14’42″67
  • 3000m indoor 15’02″45

Intervista

Da quanti anni pratichi la marcia?
Dal giugno 2012

Chi o cosa ti ha avvicinato a questa disciplina?
Il mio professore di Educazione Fisica a Palermo, dato che ho vissuto là fino all’età di 12 anni;  mi incitava a partecipare alle gare sportive studentesche di cross, ripetendomi costantemente “tu le vincerai”.

Raccontaci la gara di Sulmona in occasione dei Campionati Italiani Cadetti.
Appena siamo partite, ha iniziato a piovere, da là ho pensato che sarebbe stata una bellissima gara poiché amo allenarmi sotto la pioggia, già dai primi metri ho cercato di piazzarmi tra le prime posizioni in modo tale da avere più possibilità. Gli ultimi 800 metri sono stati i più faticosi, perché ci sono stati vari sorpassi e vari tira e molla. Ma gli ultimi 400 metri ho osato e ho aumentato per piazzarmi tra le prime due posizioni. A fine gara ero felice, perché avevo raggiunto il mio obiettivo.

Quale sarà il tuo prossimo obiettivo?
Una convocazione in nazionale per partecipare a mondiali o europei e magari fare anche ottimi piazzamenti anche a livello mondiale.

Quante ore a settimana dedichi agli allenamenti?
Circa 6 ore.

Prima di una gara cosa pensi?
Penso che è arrivato il momento di dover dare il meglio.

Raccontaci la tua giornata tipica di scuola e allenamento.
Subito dopo la scuola alle 13:15 torno a casa a piedi, pranzo con la mia famiglia e inizio subito a studiare fino alle 16:00 orario di inizio degli allenamenti; poi  finisco gli eventuali compiti rimasti.

La tua scuola viene incontro alle tue esigenze sportive?
Si, la maggior parte delle volte.

Come tutte le discipline sportive a livello agonistico, gli allenamenti ti comportano delle rinunce. Quale ti pesa di più?
A me non pesano affatto, perché per me l’allenamento è un divertimento: posso uscire e divertirmi come tutte le ragazze, ma allo stesso tempo allenarmi in modo soddisfacente.

Ti alleni da sola o hai la fortuna di allenarti con un gruppo?
Ho la fortuna di allenarmi con un bel gruppo, quasi tutti marciatori, come Vito Minei e Noemi Stella.

La gara dove rimpiangi di non aver dato il massimo?
I campionati Italiani Cadetti di Borgo Valsugana nel 2014 dove sono arrivata quarta.

Un tuo messaggio a chi ci segue:
Non dare nulla per scontato e lottare fino alla fine, perché solo chi lotta veramente vincerà.

OLTRE LA MARCIA

Colore preferito Azzurro
Mare o montagna Mare
Stagione preferita Inverno
Riflessiva o impulsiva Riflessiva
Ottimista o pessimista Ottimista
Abbigliamento elegante o sportivo dipende dalle occasioni
Non sopporti l’egoismo e la presunzione
Piatto preferito Pizza
Bibita preferita Acqua
Luogo preferito Palermo
Film preferito Grey’s Anatomy
Cantante preferito Ligabue
Mattiniera o nottambula Mattiniera
Non puoi fare a meno di correre e ascoltare musica
Quando viaggi porti sempre con te l’ipod e la macchina fotografica

Ottobre 2015

Add comment

Inserisci un commento